English Español Deutsch Français Português Nederlands Svenska

hotel in tutto il mondo | hotel vicini all'aeroporto | tutte le guide | contattaci

Prenota ora e paga in hotel!           Scopri offerte scontate anche del 50%!           Cancellazione GRATUITA!

E' arrivato il Carnevale: appuntamenti a Venezia, Rio de Janeiro, ...

sfilata di Carnevale


Un pò di storia sul Carnevale

A Carnevale ogni scherzo vale!!! è il detto che si accompagna a questa ricorrenza popolare antichissima che deriva dalla voglia della gente di scacciare via tutti i pensieri e pensare solo a divertirsi, magari anche con degli scherzi, con delle burle.
Carnevale deriva dal Latino "Carnem levare" volgarmente tradotto in "levare la carne", in quanto precede il periodo della Quaresima ove è uso mangiare di magro, in segno di mortificazione e preparazione alla Resurrezione del Cristo a Pasqua. In quanto festa pagana in questo periodo sono permesse quelle libertà e quei comportamenti che sono in qualche maniera esorcismi nei confronti della caducità della condizione umana, più in particolare della morte. Infatti i travestimenti, la maschera che inibisce di essere riconusciuti e quindi di essere "se stessi", in qualche maniera nascondono le debolezze e le insicurezze dell'esistenza umana. A questo si reagisce con la spensieratezza, il gioco, l'allegria, che ben si sa sono destinati a durare poco e finire, ma proprio questa consapevolezza li esalta e e ne esalta la ricerca, prima che tutto finisca!!!
Le prime manifestazioni che ci ricordano il carnevale nel mondo risalgono a 4000 anni fa. Gli Egizi, fin dai tempi delle dinastie faraoniche, furono i primi ad ufficializzare una tradizione carnevalesca, con feste, riti e pubbliche manifestazioni in onore della dea Iside, che presiedeva alla fertilità dei campi e simboleggiava il perpetuo rinnovarsi della vita. Il carnevale greco veniva celebrato, invece, in varie riprese, tra l'inverno e la primavera, con riti e sagre in onore di Bacco, dio del vino e della vita. Le "Grandi dionisiache" dal tono particolarmente orgiastico, si tenevano tra il 15 marzo ed il 15 aprile, mese di Elafebolione, in Atene, e segnava il punto culminante del lungo periodo carnevalesco. I "Saturnali" furono, per i Romani, la prima espressione del carnevale e gradualmente, perdendo l'iniziale significato rituale, assunsero la chiara impostazione delle feste popolari, i cui relitti sopravvivono nelle tradizioni di varie zone della nostra penisola, soprattutto nell'Italia del Sud e nelle Isole. Le feste in onore di Saturno, dio dell'età dell'oro, iniziavano il 17 dicembre e si prolungavano dapprima per tre giorni e poi per un periodo più che raddoppiato corrispondente all'epoca dell'annuale ciclo delle nostre feste natalizie e per il loro contenuto al nostro carnevale. Caratteristica preminente dei "Saturnali" era la sospensione delle leggi e delle norme che regolavano allora i rapporti umani e sociali. Donde l'erompere della gioia quasi vendicativa della plebe e degli schiavi e la condiscendenza del patriziato, che si concedevano un periodo di frenetiche vacanze di costumi e di lascività di ogni genere. Erano giorni di esplosione di rabbia e di frenesia incontrollata, di un'esuberanza festaiola che spesso degenerava in atti di intemperanza e di dissolutezza.
Riproduzione in terracotta di una maschera di stile veneziano la personificazione del carnevale in un essere umano o in un fantoccio, risale, invece, al Medioevo. Ne furono responsabili i popoli barbari che, calando nei paesi mediterranei, determinarono una sovrapposizione, o meglio una simbiosi, di usi e di costumi, assorbiti quindi dalla tradizione locale, che ne ha tramandati alcuni fino ai giorni nostri, mentre altri si sono fatalmente perduti durante il lungo e agitato andare del tempo. La chiesa cattolica e le autorità ecclesiastiche, pur tollerando le manifestazioni carnevalesche come motivo di svago e di spensieratezza, di cui la gente, credente o non, teneva in debito conto, considerava e considera il carnevale come momento essenziale di riflessione e di riconciliazione con Dio. Si celebravano, come tuttora avviene, le Sante Quarantore, (o carnevale sacro), che si concludevano con qualche ora di anticipo la sera dell'ultima domenica di carnevale. Il Carnevale ha termine il giorno del mercoledì delle Ceneri, ovvero 40 giorni prima di Pasqua, quando, per la chiesa Cattolica ha inizio la Quaresima.
Prima che finisca questo periodo non lasciatevi sfuggire l'occasione di gustare con gli amici i dolci tipici di Carnevale. Vale a dire le frittelle ed i crostoli!
Magari potrebbe essere una idea tornare agli usi dei nostri genitori, o meglio ancora dei nostri nonni, che se li facevano in casa deliziando i figli e/o i nipoti del profumo del fritto, prima ancora del palato!!! ...continua

Prenota voli Lufthansa

Ricerca voli a prezzi low cost

Trova qui tutte le guide di Lonely Planet

Idee per viaggiare

Moulin Rouge Il Louvre Disneyland Mirabilandia La Reggia di Schonbrunn Il Flamenco Teatro alla Scala Teatro dell'Arena Il teatro Bolshoi Broadway Los Angeles Las Vegas Ferrari World Venezia Musica in piazza San Marco SPA I TOP 10 ristoranti in Italia I TOP 10 ristoranti in Italia Airbus 380 Campi ed itinerari di golf Dolomiti Superski

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e iscriviti alla nostra newsletter. Sarai sempre aggiornato sulle offerte e gli eventi più interessanti.

Le nostre guide